L’omofobia è correlata al timore di essere considerati omosessuali

L’omofobia è la paura e l’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità, della bisessualità e della transessualità e quindi delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali basata sul pregiudizio.
L’Unione europea la considera analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo.
Con il termine “omofobia” quindi si indica genericamente un insieme di sentimenti, pensieri e comportamenti avversi all’omosessualità o alle persone omosessuali.

«il terrore di essere considerati omosessuali domina le menti dei “normali eterosessuali”, perché proprio questo terrore costituisce la mente di un “normale eterosessuale”. È esattamente questo orrore per le “abiette” passioni omosessuali, prodotto e rinforzato dalla società, che crea e fa perdurare le mentalità dei “normali eterosessuali” in quanto tali […] e che governa l’istituzione della “normativa etero” […].
L’omofobia comporta non solo la paura di coloro che sono spregevolmente identificati ma anche la paura di essere a propria volta spregevolmente riconosciuti: la paura, come dal significato letterale della parola, di essere “uguali a”.

Quest’ultima paura è una componente considerevolmente più forte nell’omofobia che nel sessismo o nel razzismo, perché il maschio sessista o il bianco razzista corrono molto meno il “pericolo” di essere scambiati per una donna o un non-bianco, rispetto a un “normale eterosessuale” di essere “scambiato” per un omosessuale»

(Calvin Thomas)

Omosessualità e leggi antidiscriminatorie.

«Il Parlamento europeo <…> ribadisce il suo invito a tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell’Unione europea senza discriminazioni;»

(art. 8)
«<…> condanna i commenti discriminatori formulati da dirigenti politici e religiosi nei confronti degli omosessuali, in quanto alimentano l’odio e la violenza, anche se ritirati in un secondo tempo, e chiede alle gerarchie delle rispettive organizzazioni di condannarli»

(art. 10)
In ambito legislativo, in molte nazioni, soprattutto europee sono previsti strumenti legislativi, di carattere civile e penale, finalizzati al contrasto dell’omofobia intesa principalmente come discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

Va evidenziato che le legislazioni esistenti in molti casi mantengono distinto l’aspetto della non discriminazione dalle norme mirate invece a sanzionare in modo specifico azioni e comportamenti esplicitamente omofobici, quali atti violenti o di incitamento anche solo verbale all’odio. Ci sono legislazioni che fanno rientrare questo secondo aspetto in un ambito legislativo non specifico, non considerando quindi la motivazione dell’omofobia per il reato o non prevedendo sanzioni specifiche per le espressioni di odio o di incitamento all’odio legate all’orientamento sessuale.

Ordinamento giuridico italiano

Manifestazione di Palermo del 2009 contro l’omofobia
La legislazione di contrasto alla discriminazione tra cittadini trae principale fondamento dall’articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana (principio di uguaglianza formale e sostanziale):

«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.»

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Omofobia